Comodo-Secure
Utilizziamo i cookie per offrire all'utente un'esperienza migliore. Utilizzando h-h-shop accetti la nostra informativa sulla privacy
X
Worldwide shipping
Spedizione gratuita
da 75,- €
 
DeutschItalianoEnglish
Shopping Cart
HOME »   Specialità »   Alto Adige - Il Paese
Continua ricerca »

 

Alto Adige – ufficialmente: Provincia autonoma di Bolzano – Alto Adige

Stato: Italia
Regione: Trentino-Alto Adige
Capoluogo: Bolzano
copertura: 7.399,97 km²
Abitanti: 482.650 (Dicembre 2005)
Densità abitanti: 65,2 abitanti/ km²
Numero comuni: 116
Sigla Provincia: BZ
Presidente della giunta provinciale: Dr. Arno Komopatscher (SVP)
 

Abitanti

Gli abitanti formano 3 gruppi linguistici. Gli abitanti di lingua tedesca di Tirolo Sud (ca. 65%) vivono principalmente nelle aree fuori città e nei valli laterali. La popolazione italiana ca. 30%) vive principalmente nelle città. I Ladins (ca. 5%) vivono nelle valli delle Dolomiti: Val Badia e Val Gardena.

La grande parte della popolazione sudtirolese appartiene alla chiesa cattolica. La popolazione sudtirolese è conosciuta come aperta, cooperativamente e in maniera ospitale. I tratti distintivi speciali sono il testardaggine enorme e la flessibilità pragmatica. Entrambi ancora non sembrano di contraddire.

Paese & persone

L'Alto Adige è la parte più settentrionale d'Italia e si trova sul versante meridionale delle Alpi. Il confine italo-austriaco attraversa il principale crinale delle Alpi, il cui valico più famoso è il Passo del Brennero. Si tratta di uno dei più importanti collegamenti nord-sud delle Alpi. Il 60 % del territorio nazionale si trova ad un'altitudine superiore ai 1.500 metri. La posizione speciale permette un turismo sia invernale che estivo pronunciato. Il clima nelle valli, in particolare a Merano, Bolzano e in pianura, è mite tutto l'anno. I famosi vini e le mele altoatesine di questa regione sono articoli ricercati dagli addetti ai lavori.

Le valli principali sono la Val d'Adige, la Val Isarco, la Val Venosta e la Val Pusteria. Tra i massicci montuosi più famosi ci sono l'Ortles (3905 m e quindi la montagna più alta dell'Alto Adige), il Catinaccio, lo Sciliar e Le Tre Cime di Lavaredo. I numerosi musei e castelli testimoniano una storia ricca e variegata.

I parchi naturali e le case dei parchi naturali esprimono lo stretto legame con la natura dell'Alto Adige: Parco Naturale dello Stelvio, Parco Naturale Sciliar, Gruppo di Tessa Parco Naturale, Parco Naturale Puez-Geisler, Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies, Parco naturale Monte Corno, Parco Naturale Dolomiti di Sesto, Parco Naturale Rieserferner-Ahrn, und Parco Naturale delle Alpi di Sarentino.

Sexten im Sonner mit Sextner Sonnenuhr

Questi paesaggi naturali e coltivati sono oggetto di una protezione speciale. La conservazione della natura e del paesaggio, l'educazione e l'esperienza diretta della natura sono le preoccupazioni di queste istituzioni. In Alto Adige, gli amanti della natura troveranno anche bellissimi e idilliaci laghi: il lago di Caldaro, il lago di Montiggl (Oltradige), il lago di Carezza (Val d'Ega) vicino a Nova Levante), il lago di Braies (Dolomiti di Braies), il lago di Dobbiaco.

Storia

L'Alto Adige è da sempre un paese ricco di avvenimenti. La separazione del Tirolo il 10 settembre 1919 fu particolarmente rischiosa. Nel trattato di pace di San Germaino, l'Alto Adige fu separato dalla patria austriaca e assegnato all'Italia.

Da questo momento in poi, il paese e i suoi abitanti hanno dovuto vivere un periodo difficile. L'italianizzazione del Paese - su iniziativa di Ettore Tolomei - è iniziata. Soprattutto dopo la presa di potere di Mussolini, con il divieto e l'abolizione della lingua tedesca, dell'amministrazione tedesca e delle usanze tirolesi, la vita quotidiana era incredibilmente difficile. Anche l'immigrazione italiana dovrebbe promuovere l'italianità.

Il capitolo più oscuro della storia dell'Alto Adige è stato avviato da un progetto di reinsediamento disumano, la "Opzione". La popolazione di lingua tedesca doveva scegliere l'Italia o lasciare la sua amata patria per emigrare nel Reich tedesco. Hitler e Mussolini furono i maestri di questa impresa. Tuttavia, la seconda guerra mondiale impedì questa impresa disumana e la maggior parte degli altoatesini poté rimanere nella loro amata patria.

Con il Trattato di Parigi del 1946 la popolazione di lingua tedesca e ladina dell'Alto Adige fu messa sotto tutela come minoranza. E' stato creato lo Statuto di Autonomia. Lo scopo principale di questa legge è quello di rafforzare il potere di autogoverno dell'Alto Adige. L'attuazione è stata lenta e la popolazione dell'Alto Adige molto insoddisfatta. Solo nel dicembre 1969 i governi di Roma e Vienna elaborarono il "pacchetto Alto Adige ratificato". Solo nel 1992, tuttavia, questo caso ha portato alla dichiarazione ufficiale di risoluzione delle controversie tra l'Italia e l'Austria.

Tra i poteri di autonomia vi è la possibilità per i sudtirolesi di sviluppare autonomamente il proprio potenziale economico e culturale. La difficile storia ha portato anche al fatto che i costumi e l'appartenenza alla provincia dell'Alto Adige sono diventati profondamente radicati nella coscienza della gente.

Tradizioni

La popolazione altoatesina attribuisce particolare importanza agli usi, alla cultura e allo sport (circa 55.000 manifestazioni culturali e sportive all'anno). Ci sono circa 200 bande musicali, 300 cori, 150 gruppi teatrali, 140 shooting club e 40 gruppi di danza popolare sparsi in 116 comunità del paese.

Arti e mestieri dell'Alto Adige

Nel corso dei secoli l'artigianato tradizionale altoatesino si è affermato nel nostro paese.
Uno di questi è l'uso consapevole e corretto del legno. Le sculture in legno come statue di santi e presepi sono particolarmente popolari.
Dal feltro e con molta diligenza si creano le pats (pantofole di feltro - pantofole) che sono molto piacevoli da indossare.
La tessitura è probabilmente uno dei mestieri più antichi dell'uomo - specialmente nelle lunghe sere d'inverno questo mestiere veniva esercitato dalle mogli dei contadini come reddito supplementare.

Cibi & Bevande

L'Alto Adige ha una cucina tradizionale, ma l'influenza della cucina italiana è inconfondibile. Il paese stesso ha numerose materie prime che vengono trasformate in specialità culinarie ben note.
I prodotti a base di carne vanno dalla selvaggina (camoscio, cervo, capriolo) alla carne di maiale, manzo, agnello e pollame. A causa della presenza di molte acque, anche i pesci d'acqua dolce fanno parte dell'alimentazione dell'Alto Adige.
Grazie alla sua posizione privilegiata, l'Alto Adige conosce quasi tutti i tipi di verdura e di frutta. Tra queste, carote, piselli, radicchio, carciofi, spinaci, insalata e l'amata patata. Completano l'offerta la polenta, le castagne e il grano saraceno.

 

Schlutzkrapfen
© Südtirol Marketing/Helmuth Rier

 

 

Nella frutta, la mela viene prima, seguita dalle uve, che vengono trasformate in vini particolarmente gustosi e di alta qualità, la pera, le fragole,...
Canederli sono un must in ogni menu. Spinaci, formaggi, pane e soprattutto canederli di speck appartengono alla cucina tradizionale tirolese, così come la forma dolce dei canederli (canederli di prugne, albicocche o lievito).
Altre specialità della cucina tradizionale altoatesina sono lo Speck dell'Alto Adige e Kaminwurz’n (salsiccie affumicate) con Schüttelbrot (Pane croccante), e un gustoso formaggio altoatesino.

Nelle pagine seguenti vi offriamo queste prelibatezze.

Altre caratteristiche speciali:

Schüttelbrot: pane piatto, secco e croccante
Kaminwurz'n: salsiccia dura spesso affumicata
Keschten: Castagne e marroni
Marillenknödel: Canederli di albicocche
Nocken: come i gnocchi, si usano solo briciole di pane al posto dei dadi di pane.
Polenta: semola di mais bollita, spesso ancora alla griglia
Schlutzer/Schlutzkrapfen: gnocchi ripieni di spinaci e formaggio cremoso
Tirtlan: Gnocchi di pasta o pasta di patate, ripieni di crauti e fritti nel grasso.


Indietro

Die echten Südtiroler Spezialitäten, Südtiroler Speck, Käse, Weine & italienische Feinkost bequem von zu Hause aus bestellen!

 
Su di noi...
Download Catalogo Articoli
Spese spedizione, consegna
Osservazioni
Contatto
Rivenditori, Gastronomia
Le ns. condizioni generali
Produttori da A-Z
Sfera privata, protezione dati
Buono
Sitemap
Informazioni
Ricette
Foto Galleria
Alto Adige - Il Paese
Sportverein ASC Tre Cime
Links - Partner
Affiliate Program
Affiliate-Partner
Program Information
Affiliate Login
Associates Terms & Cond.
Valutazioni
Aceto Montano 50 cl. Alto Adige - Distilleria Zu Plun
conoscevo il prodotto: molto buono! ..
5 di 5 Stelle!
* Costi di spedizione gratuiti da 25,00 EUR, valido per: IT,DE,AT
beenden